Circuito_per_pulsanti_piezoelettrici - BlancatoGP

Vai ai contenuti

Menu principale:

Interruttori

DESCRIZIONE PRODOTTO

PREZZO

Circuito per trasformare pulsante piezo in interruttore

€28,39

CIRCUITO PER TRASFORMARE

PULSANTI PIEZOELETTRICI IN INTERRUTTORI




Descrizione:
I pulsanti piezoelettrici sono dispositivi a stato solido che producono una tensione quando viene applicato una pressione.

Questa tensione attiva un circuito all'interno del pulsante che attiva l'uscita per un istante.

Il circuito oggetto dell'inserzione utilizza il segnale in uscita dal pulsante piezoelettrico per attivare l'uscita
del FET di potenza e poter pilotare lampade dal notevole assorbimento.

Specifiche:
Input da un pulsante piezoelettrico (funziona anche con un normale pulsante).
Tensione di funzionamento da 3V a 25V.
Può pilotare carichi (low side n-chan power FET) fino a 15A.
Resistenza minima (circa 0,006 Ohm).
Corrente in standby praticamente nulla (circa 20uA), meno di 0.05Ah al mese.
Dimensioni compatte: 16.5mm x 12.7mm.
Può essere montato con dei pad termici direttamente sull'involucro in metallo dell'apparecchiatura
Protetto da inversioni di polarità.
Grazie ai filtri gli azionamenti accidentali non destano problemi; gli impulsi di durata limitata vengono ignorati.

Descrizione foto:
IN+ è l’ingresso del positivo di alimentazione (da 3V a 25V)
IN- è l’ingrsso del negativo di alimentazione del circuito e fornisce il negativo anche al FET.
LED+ è elettricamente lo stesso di IN+ (connettere insieme). LED+ va connesso al positivo del LED da controllare (controllo diretto) oppure all’ingrsso positivo del driver.
LED- è l’uscita (controllata dal circuito) ed è l’uscita del FET di potenza (Q1 nella figura in basso)
PIEZO è l’input del segnale che proviene dal pulsante piezoelettrico. L’altro cavo del piezoelettrico va collegato insieme a IN-.
La parte inferiore del circuito non ha componenti e dovrebbe essere montato, con un pad termico biadesivo, su un dissipatore (es. involucro metallico della torcia led).

SCHEMA 1
LED direttamente controllato dal circuito

SCHEMA 2
LED controllato dal circuito attraverso un DRIVER

SCHEMA 3
In caso di carico induttivo bisogna utilizzare un diodo (es. 1N4148)
per proteggere il FET da picchi induttivi.
Torna ai contenuti | Torna al menu